Sorafenib nel cancro alla tiroide differenziato, localmente avanzato o metastatico, refrattario a Iodio radioattivo


I pazienti con carcinoma differenziato della tiroide localmente avanzato o metastatico refrattario a Iodio radioattivo ( 131-I ), hanno una prognosi sfavorevole a causa della mancanza di opzioni di trattamento efficace.
È stata valutata l'efficacia e la sicurezza di Sorafenib ( Nexavar ) somministrato per via orale nel trattamento dei pazienti con questo tipo di tumore.

In questo studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, di fase 3, controllato con placebo ( studio DECISION ), è stato esaminato Sorafenib ( 400 mg per via orale due volte al giorno ) in pazienti con carcinoma differenziato della tiroide localmente avanzato o metastatico refrattario a Iodio radioattivo che era progredito negli ultimi 14 mesi.

I pazienti adulti ( a partire da 18 anni di età ) con questo tipo di tumore sono stati arruolati da 77 Centri in 18 Paesi.
Per essere ammessi, i partecipanti dovevano avere almeno una lesione misurabile mediante tomografia computerizzata o risonanza magnetica in base ai criteri RECIST ( Response Evaluation Criteria In Solid Tumors ); performance status ECOG 0-2; adeguata funzione del midollo osseo, del fegato e dei reni; e concentrazione sierica di ormone stimolante la tiroide ( TSH ) inferiore a 0.5 mIU/l.

I partecipanti sono stati assegnati casualmente in un rapporto 1:1 a Sorafenib oppure a placebo.
I pazienti e i medici non erano a conoscenza del trattamento assegnato.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione, valutata ogni 8 settimane.

I pazienti nel gruppo placebo potevano passare a Sorafenib alla progressione della malattia.

Il tessuto tumorale archiviato è stato esaminato per mutazioni BRAF e RAS, e la tireoglobulina sierica è stata misurata al basale e ad ogni visita.

La popolazione intention-to-treat comprendeva 417 pazienti ( 207 nel gruppo Sorafenib e 210 nel gruppo placebo ) e la popolazione di sicurezza era composta da 416 pazienti ( 207 nel gruppo Sorafenib e 209 nel gruppo placebo ).

La sopravvivenza media libera da progressione è risultata significativamente più lunga nel gruppo Sorafenib ( 10.8 mesi ) rispetto al gruppo placebo ( 5.8 mesi; hazard ratio, HR=0.59; P minore di 0.0001 ).

La sopravvivenza libera da progressione è migliorata in tutti i sottogruppi prespecificati di biomarcatori clinici e genetici, indipendentemente dallo stato della mutazione.

Eventi avversi si sono verificati in 204 dei 207 ( 98.6% ) pazienti trattati con Sorafenib nel periodo in doppio cieco e in 183 dei 209 pazienti ( 87.6% ) trattati con placebo.
La maggior parte degli eventi avversi erano di grado 1 o 2.
Gli eventi avversi emergenti dal trattamento più frequenti nel gruppo Sorafenib sono stati reazione cutanea mano-piede ( 76.3% ), diarrea ( 68.6% ), alopecia ( 67.1% ) e rash o desquamazione ( 50.2% ).

Sorafenib ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione rispetto al placebo nei pazienti con cancro alla tiroide progressivo differenziato, refrattario a Iodio radioattivo.
Gli eventi avversi sono stati coerenti con il profilo di sicurezza noto di Sorafenib.
Questi risultati suggeriscono che Sorafenib è una nuova opzione di trattamento per i pazienti con tumore alla tiroide progressivo differenziato refrattario a Iodio radioattivo. ( Xagena2014 )

Brose MS et al, Lancet 2014;384:319-328

Endo2014 Onco2014 Farma2014

Altri articoli