Lenvima per il trattamento dei pazienti con tumore alla tiroide differenziato, progressivo e refrattario allo Iodio radioattivo, approvato dalla FDA


La FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Lenvima ( Lenvatinib mesilato ) per il trattamento dei pazienti con cancro alla tiroide differenziato, progressivo e refrattario allo Iodio radioattivo.

Lenvatinib è un inibitore orale della chinasi, che agisce bloccando alcune proteine che aiutano le cellule tumorali a crescere e a dividersi.

Lenvima è stato sottoposto a revisione prioritaria da parte della FDA; inoltre il farmaco ha anche ricevuto la designazione di prodotto orfano per il fatto che trova impiego in una malattia rara.

La decisione della FDA si basa sui risultati dello studio di fase III SELECT.
Un totale di 392 pazienti con tumore della tiroide differenziato, refrattario allo Iodio radioattivo, ed evidenze radiografiche di progressione della malattia entro i 12 mesi precedenti, sono stati assegnati al trattamento con Lenvatinib 24 mg oppure a placebo.
I risultati dello studio hanno mostrato che i pazienti assegnati al trattamento con Lenvatinib hanno presentato una sopravvivenza mediana libera da progressione significativamente più lunga, 18.3 mesi versus 3.6 ( hazard ratio, HR=0.21 ).
Inoltre, il 65% dei pazienti trattati con Lenvatinib hanno presentato una riduzione della dimensione del tumore, rispetto al 2% di coloro che avevano ricevuto il placebo.
La maggioranza dei pazienti che erano stati assegnati al placebo sono stati in seguito trattati con Lenvatinib quando la malattia è progredita.

Gli effetti indesiderati più comuni riscontrati durante terapia con Lenvima erano: pressione alta, stanchezza, diarrea, dolori articolari e muscolari ( artralgia / mialgia ), diminuzione dell'appetito, perdita di peso, nausea, infiammazione della mucosa buccale ( stomatite ), mal di testa, vomito, eccesso di proteine nelle urine ( proteinuria ), gonfiore e dolore al palmo delle mani e/o alle piante dei piedi ( eritrodisestesia palmo-plantare [ sindrome mano-piede ] ), dolore addominale e variazioni di volume o di qualità della voce ( disfonia).

Lenvima può causare gravi effetti collaterali, tra cui insufficienza cardiaca, formazione di coaguli di sangue ( eventi tromboembolici arteriosi ), danni al fegato ( epatotossicità ), danni renali ( insufficienza renale ), perforazione gastrointestinale o una connessione anormale tra due parti dello stomaco o dell'intestino ( formazione di fistole ), cambiamenti nell'attività elettrica del cuore ( prolungamento dell'intervallo QT ), bassi livelli di calcio nel sangue ( ipocalcemia ), verificarsi simultaneo di mal di testa, confusione, convulsioni e alterazioni visive ( sindrome da leucoencefalopatia posteriore reversibile ), grave sanguinamento, rischi per il feto nel caso in cui una paziente dovesse rimanere incinta durante il trattamento, e alterazione della soppressione della produzione di ormone stimolante la tiroide ( TSH ).

Lenvatinib inibisce in modo selettivo l’attività di varie molecole, tra cui i recettori del fattore di crescita dell’endotelio vascolare ( VEGFR ), i recettori del fattore di crescita fibroblastico ( FGFR ), RET, KIT e i recettori del fattore di crescita derivato dalle piastrine ( PDGF ).
Inibisce simultaneamente VEGFR, FGFR e anche RET, coinvolti in modo particolare nella angiogenesi e nella proliferazione dei tumori della tiroide.

Il National Cancer Institute ( NCI ) stima che quasi 63.000 statunitensi abbiano ricevuto diagnosi di tumore alla tiroide, e quasi 1900 siano morti a causa della malattia nel 2014. ( Xagena2015 )

Fonte: FDA, 2015

Endo2015 Onco2015 Farma2015

Altri articoli