Lenvatinib migliora la sopravvivenza libera da progressione nel cancro della tiroide differenziato resistente allo Iodio radioattivo


Uno studio di fase III ha mostrato che l’inibitore orale multi-target del recettore tirosin-chinasico Lenvatinib ha significativamente prolungato la sopravvivenza libera da progressione, rispetto al placebo, nei pazienti con carcinoma differenziato della tiroide che erano resistenti alla terapia con radioiodio.

Lenvatinib agisce inibendo i recettori di VEGF ( fattore di crescita dell’endotelio vascolare ) 1-3, i recettori di FGF ( fattore di crescita dei fibroblasti ) 1-4, il recettore alfa di PDGF ( fattore di crescita derivato dalle piastrine ), le vie di segnalazione di RET e KIT.

I pazienti con carcinoma della tiroide con malattia refrattaria e in fase metastatica hanno un tasso di sopravvivenza scarso, con solo il 10% dei pazienti in vita a 10 anni.

Lo studio SELECT, che ha coinvolto 392 pazienti in cui la malattia era progredita nonostante un precedente trattamento.
L'età media dei pazienti era di 63 anni, e il 51% era di sesso maschile.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale, in un rapporto 2:1, a 24 mg al giorno di Lenvatinib oppure a placebo.
Il trattamento è stato somministrato in cicli di 28 giorni.

La sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta al momento dell'analisi; tuttavia, una percentuale maggiore di pazienti è deceduto nel braccio placebo rispetto al braccio Lenvatinib ( 35.9% vs 27.2% ).

I pazienti assegnati a Lenvatinib hanno presentato una sopravvivenza mediana libera da progressione significativamente più lunga ( 18.3 vs 3.6 mesi; hazard ratio, HR=0.21).

Le analisi del sottogruppo hanno indicato che Lenvatinib ha esteso in modo significativo la sopravvivenza mediana senza progressione tra i 66 pazienti che avevano precedentemente ricevuto una terapia anti-VEGF ( 15.1 mesi ), così come tra i 195 pazienti non-trattati con un anti-VEGF ( 18.7 mesi ).

Quattro pazienti ( 1.5% ) hanno raggiunto una risposta completa con Lenvatinib, rispetto a nessun paziente nel braccio placebo.
I ricercatori hanno osservato risposte parziali nel 63.2% ( n=165 ) dei pazienti assegnati a Lenvatinib e nell’1.5% ( n=2 ) dei pazienti trattati con placebo.

Il tempo mediano alla risposta con Lenvatinib è stato di 2 mesi. E’ stata osservata una più lunga durata mediana del trattamento nel braccio Lenvatinib ( 13.8 mesi vs 3.9 mesi ).

Gli eventi avversi di qualsiasi grado associati a Lenvatinib hanno incluso: ipertensione ( 68% ), diarrea ( 59% ), diminuzione dell'appetito ( 50% ), perdita di peso ( 46% ) e nausea ( 41% ).
Gli eventi avversi di grado 3 o superiore associati al trattamento sono stati: ipertensione ( 42% ), proteinuria ( 10% ), perdita di peso ( 10% ), diarrea ( 8% ) e diminuzione dell'appetito ( 5% ).

La maggioranza dei pazienti assegnati a Lenvatinib ( 78.5% ) ha dovuto ridurre il dosaggio e il 14.2% ha interrotto il trattamento a causa di un evento avverso.

Nel corso dello studio si sono verificati 20 decessi; di questi, 6 erano correlati al trattamento. ( Xagena2014 )

Fonte: ASCO Annual Meeting, 2014

Onco2014 Endo2014 Farma2014

Altri articoli