Ablazione con Iodio radioattivo a basso dosaggio efficace nei pazienti con cancro alla tiroide


L'ablazione con Iodio radioattivo a basso dosaggio in combinazione con Tireotropina alfa è un trattamento efficace e conveniente per i pazienti con carcinoma della tiroide.

Il trattamento è risultato efficace quanto l'ablazione ad alte dosi, ma è stato associato a un tasso inferiore di eventi avversi.

Vi è incertezza sulla dose di Iodio radioattivo necessaria quando i pazienti con carcinoma differenziato della tiroide vengono sottoposti al trattamento dopo intervento chirurgico.
Una dose ridotta significherebbe per i pazienti trascorrere meno tempo in isolamento ospedaliero, sviluppare meno effetti collaterali e ridurre il rischio di un secondo tumore primario causato dalla esposizione a sostanze radioattive.

Un altro importante aspetto è che la sospensione degli ormoni tiroidei nei pazienti che devono sottoporsi ad ablazione porta spesso a sviluppare ipotiroidismo.
La sospensione può essere evitata con l'uso di Tireotropina ricombinante umana ( Tireotropina alfa ), ma non si è certi se questo possa ridurre i tassi di successo dell'ablazione, in particolare con basse dosi di Iodio radioattivo.

È stato quindi condotto lo studio HiLo, che ha confrontato l’ablazione con radioiodio a basso dosaggio ( 1.1 Gbq ) e ad alto dosaggio ( 3.7 Gbq ), ciascuno in combinazione sia con Tireotropina alfa ( 0.9 mg ) che con la sospensione dell'ormone tiroideo prima dell'ablazione.
Tutti i pazienti avevano tumore di stadio da T1 a T3 senza metastasi a distanza.

Tireotropina alfa è stata somministrata 2 giorni prima della ablazione e l'ormone tiroideo è stato interrotto da 2 a 4 settimane prima della procedura.

La scansione diagnostica di tutto il corpo con Iodio-131 è stata eseguita 3-7 giorni dopo l'ablazione.
L'obiettivo primario è stato il tasso di successo per ablazione, che è stata definita come una scansione negativa ( assorbimento minore di 0.1% ) e un livello di Tireoglobulina inferiore a 2.0 ng/ml a 6-9 mesi.

In generale, l'ablazione ha avuto successo in 182 ( 85% ) dei 214 pazienti che hanno ricevuto Iodio radioattivo a basso dosaggio rispetto a 184 ( 88.9% ) di 207 che hanno ricevuto la dose elevata.

Il tasso di successo con una bassa dose più Tireotropina alfa è risultato simile a quello con alta dose più sospensione dell'ormone tiroideo, 84.3% e 87.6%, rispettivamente; è stato anche simile al tasso di successo del 90.2% che è stato ottenuto con alte dosi di Iodio radioattivo più Tireotropina alfa.

I pazienti trattati con basse dosi di Iodio radioattivo hanno passato molto meno tempo in isolamento ospedaliero rispetto a quelli trattati con alte dosi di Iodio radioattivo, con il 39.6% rispetto al 7.1% che ha richiesto solo 1 giorno in ospedale e 13.0% versus 36.3% che è rimasto ricoverato per almeno 3 giorni.

La proporzione di pazienti che ha avuto eventi avversi è risultata significativamente più bassa tra coloro che hanno ricevono un basso dosaggio rispetto alla dose alta di Iodio radioattivo, al 21% versus 33%, rispettivamente.

L'efficacia di basse dosi di Iodio radioattivo è stata simile a quella dello Iodio radioattivo ad alte dosi e l'efficacia della ablazione con basse dosi non è stata compromessa dall'uso di Tireotropina alfa, al posto della sospensione dell'ormone tiroideo.

L'uso di Iodio radioattivo è in aumento negli Stati Uniti, con preoccupazione su chi dovrebbe utilizzarlo, in particolare tra i pazienti con tumori a basso rischio. Quindi ridurre l'esposizione alle radiazioni è un importante passo avanti. ( Xagena2012 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2012

Endo2012 Onco2012 Farma2012

Altri articoli