L'Ibandronato riduce le fratture vertebrali nelle donne in postmenopausa con osteoporosi


Nel corso del 2002 World Congress of Osteoporosis ( Wco ) tenuto a Lisbona, è stato presentato uno studio con il bifosfonato Ibandronato ( Bondronat / Bonviva ) nel trattamento e prevenzione dell'osteoporosi nelle donne in postmenopausa. Lo studio multicentrico della durata di 3 anni ha coinvolto 2.946 donne in postmeopausa di età compresa tra i 55 e gli 80 anni con osteoporosi, assegnate in modo random a ricevere due diversi schemi di Ibandronato, o il placebo: Ibandronato 2,5 mg/die oppure l'Ibandronato 20mg/die per 24 giorni seguiti da un intervallo libero da farmaco fino a 9-10 settimane.A tutte le donne è stato somministrato giornalmente calcio per os ( 500 mg ) e vitamina D ( 400 UI ). L'endpoint primario dello studio era rappresentato dall'incidenza di nuove fratture vertebrali nel corso dei 3 anni di follow-up.L'incidenza cumulativa di nuove fratture vertebrali è stata del 9,6% nel gruppo placebo, 4,7% nel gruppo Ibandronato ( 2,5 mg ) e 4,9% nel gruppo Ibandronato 20 mg con schema intermittente.I due schemi di Ibandronato hanno ridotto il rischio di fratture vertebrali del 62% e del 50%, rispettivamente, rispetto al placebo. ( Xagena2002 )

Altri articoli