Alpelisib più Fulvestrant nel tumore mammario avanzato PIK3CA-mutato, positivo al recettore ormonale dopo un inibitore CDK4/6: studio BYLieve


Alpelisib ( Piqray ), un inibitore e degradatore selettivo di PI3Kalfa, più Fulvestrant ( Faslodex ) ha mostrato efficacia nel tumore mammario avanzato positivo al recettore ormonale ( HR-positivo ), HER2-negativo, PIK3CA-mutato in SOLAR-1.
Sono disponibili dati limitati nel setting inibitore delle chinasi 4/6 post-ciclina-dipendente.

Lo studio BYLieve ha valutato Alpelisib più terapia endocrina in questo contesto in tre coorti definite da un trattamento precedente immediato.
Sono stati riportati i risultati della coorte A.

Questo studio in corso, di fase 2, multicentrico, in aperto, non-comparativo, ha arruolato pazienti con tumore mammario avanzato con mutazione PIK3CA, positivo per i recettori ormonali, HER2-negativo, a seguito della progressione durante o dopo la terapia precedente, inclusi gli inibitori CDK4/6, da 114 sedi di studio ( centri oncologici, centri medici, ospedali universitari e ospedali ) in 18 Paesi in tutto il mondo.

I partecipanti di età pari o superiore a 18 anni con un ECOG performance status di 2 o meno, con non più di 2 precedenti trattamenti antitumorali e non più di un precedente regime chemioterapico, sono stati arruolati in 3 coorti.

Nella coorte A, i pazienti dovevano aver avuto progressione durante o dopo un inibitore CDK4/6 più un inibitore dell'aromatasi come trattamento immediatamente precedente.
I pazienti hanno ricevuto Alpelisib per via orale 300 mg/die ( in maniera continuativa ) più Fulvestrant 500 mg per via intramuscolare il giorno 1 di ciascun ciclo di 28 giorni e il giorno 15 del ciclo 1.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti vivi senza progressione della malattia a 6 mesi per valutazione locale utilizzando i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi, versione 1.1, in pazienti con una mutazione PIK3CA confermata centralmente.

Tra il 2017 e il 2019 ( cutoff dei dati ), 127 pazienti con un follow-up di almeno 6 mesi sono stati arruolati nella coorte A.
121 pazienti avevano una mutazione PIK3CA confermata centralmente.
Al cutoff dei dati, il follow-up mediano era di 11.7 mesi.
61 su 121 pazienti ( 50.4% ) erano vivi senza progressione della malattia a 6 mesi.

Gli eventi avversi di grado 3 o peggiore più frequenti sono stati iperglicemia ( 36 su 127 pazienti, 28% ), rash ( 12, 9% ) e rash maculopapulare ( 12, 9% ).
Eventi avversi gravi si sono verificati in 33 pazienti su 127 ( 26% ).
Non sono stati segnalati decessi correlati al trattamento.

BYLieve ha mostrato attività di Alpelisib più Fulvestrant con tossicità gestibile nei pazienti con cancro alla mammella avanzato PIK3CA-mutato, positivo al recettore ormonale, HER2-negativo, dopo progressione con un inibitore CDK4/6 più un inibitore dell'aromatasi. ( Xagena2021 )

Rugo HS et al, Lancet Oncology 2021; 22: 489-498

Gyne2021 Onco2021 Farma2021

Altri articoli