Effetto di Denosumab o dell'Acido Alendronico sulla progressione della stenosi aortica


La calcificazione valvolare è fondamentale per la patogenesi e la progressione della stenosi aortica, con studi preclinici e osservazionali che suggeriscono che il turnover osseo e la differenziazione osteoblastica delle cellule interstiziali valvolari siano importanti meccanismi contributivi.

Uno studio ha valutato se l'inibizione di queste vie con Denosumab ( Prolia ) o Acido Alendronico ( Alendronato; Fosamax ) possa ridurre la progressione della malattia nella stenosi aortica.

In uno studio controllato randomizzato in doppio cieco, a gruppi paralleli, in un singolo centro, pazienti di età maggiore o uguale a 50 anni con stenosi aortica calcifica ( picco di velocità del getto aortico superiore a 2.5 m/s ) sono stati randomizzati a Denosumab ( 60 mg ogni 6 mesi ), iniezione di placebo, Acido Alendronico ( 70 mg una volta a settimana ) o capsula di placebo.

I partecipanti sono stati sottoposti a valutazioni seriali con ecocardiografia Doppler, punteggio del calcio della valvola aortica mediante tomografia computerizzata, e tomografia a emissione di positroni con fluoruro di sodio 18F e tomografia computerizzata. L'endpoint primario era la variazione a 24 mesi calcolata nel punteggio del calcio della valvola aortica.

In totale 150 pazienti ( età media, 72 anni; 21% donne ) con stenosi aortica calcifica ( velocità del getto aortico di picco, 3.36 m/s; punteggio del calcio della valvola aortica, 1.152 AU ) sono stati randomizzati e hanno ricevuto l'intervento di studio assegnato: Denosumab ( n=49 ), Acido Alendronico ( n=51 ) e placebo ( iniezione n=25, capsula n=25; raggruppati per l'analisi ).

Il telopeptide C-terminale sierico, una misura del turnover osseo, si è dimezzato dal basale a 6 mesi con Denosumab ( da 0.23 a 0.11 microg/l ) e Acido Alendronico ( da 0.20 a 0.09 microg/l ), ma è rimasto invariato con il placebo ( da 0.23 a 0.26 microg/l ).

Non ci sono state differenze nella variazione a 24 mesi del punteggio del calcio della valvola aortica tra Denosumab e placebo ( 343 rispetto a 354 AU; P=0.41 ) o Acido Alendronico e placebo ( 326 rispetto a 354 AU; P=0.49 ).

Allo stesso modo, non ci sono state differenze nel cambiamento nella velocità del getto aortico di picco o nella captazione della valvola aortica di fluoruro di sodio 18F.

Né il Denosumab né l'Acido Alendronico hanno influenzato la progressione della calcificazione della valvola aortica nei pazienti con stenosi aortica calcifica.
È necessario esplorare percorsi e meccanismi alternativi per identificare terapie modificanti la malattia per la crescente popolazione di pazienti con questa condizione potenzialmente fatale. ( Xagena2021 )

Pawade TA et al, Circulation 2021; 143: 2418-2427

Cardio2021 Endo2021 Farma2021

Altri articoli