Infertilità nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico e resistenza al Clomifene: induzione dell’ovulazione con l’elettrocauterio versus rFSH


Ricercatori del Department of Obstetrics and Gynaecology dell’Academic Medical Centre di Amsterdam hanno confrontato l’efficacia dell’induzione dell’ovulazione con una strategia basata sull’elettrocauterio , o con l’ormone stimolante il follicolo , ricombinante ( rFSH ), nelle pazienti con sindrome dell’ovaio policistico.

La sindrome dell’ovaio policistico è caratterizzata da oligomenorrea o amenorrea, infertilità, irsutismo, acne, cisti ovariche.

La sindrome colpisce il 4-9% delle donne in età fertile.

Il farmaco di prima scelta per indurre l’ovulazione è il Clomifene, ma in circa il 20% dei casi la terapia non produce effetto.

Nelle pazienti resistenti al Clomifene vengono impiegate le gonadotropine.

Più recentemente è stata proposta la strategia con elettrocauterio per via laparoscopica.
Il principale svantaggio della strategia con elettrocauterio è rappresentato dalla necessità di intervento chirurgico sotto anestesia generale.

In mancanza di ovulazione dopo elettrocauterio ed assunzione del Clomifene, le pazienti possono essere trattate con gonadotropine, prima di procedere alla procedura di fertilizzazione in vitro e del trasferimento dell’embrione ( embryo transfer ).

Un totale di 168 pazienti consecutive hanno preso parte allo studio; 83 sono state allocate alla strategia con elettrocauterio, mentre 85 al trattamento con l’ormone stimolante il follicolo.

Il 54% ( 45/83 ) dei pazienti del gruppo elettrocauterio hanno presentato anovulazione persistente o cicli anovulatori e sono stati trattati con Clomifene; il 47% ( 21/45 ) di questi ha successivamente ricevuto rFSH.

A 12 mesi la percentuale cumulativa di gravidanza dopo trattamento con l’ormone stimolante il follicolo è stata del 67%, mentre è stata del 34% con il solo elettrocauterio.

Nel gruppo allocato alla strategia con elettrocauterio la percentuale è aumentata al 49% dopo Clomifene e al 67% dopo rFSH.

A 6 mesi il tratt amento con gonadotropine è risultato più efficace della strategia con elettrocauterio, ma a 12 mesi non si sono osservate differenze.

Secondo gli Autori le gravidanze multiple possono essere prevenute sottoponendo le donne all’elettrocauterio e al trattamento con Clomifene prima di somministrare l’ormone stimolante il follicolo.

A differenza della strategia con elettrocauterio , l’induzione dell’ovulazione con gonadotropine è una procedura non invasiva, e certamente più sicura. ( Xagena2004 )

Bayram N et al, BMJ 2004; 328:192


Gyne2004 Farma2004

Altri articoli