Rischio associato all'impiego di Idrossiclorochina da sola e in combinazione con Azitromicina nel trattamento dell'artrite reumatoide


L'Idrossiclorochina ( Plaquenil ), un farmaco comunemente usato nel trattamento dell'artrite reumatoide, ha ricevuto molta pubblicità negativa per gli eventi avversi associati alla sua autorizzazione per l'uso di emergenza per il trattamento di pazienti con polmonite da COVID-19.
È stata studiata la sicurezza dell'Idrossiclorochina, da sola e in combinazione con Azitromicina, per determinare il rischio associato al suo uso nella cura di routine nei pazienti con artrite reumatoide.

In uno studio retrospettivo multinazionale, studi di coorte di nuovi utilizzatori tra i pazienti con artrite reumatoide di età pari o superiore a 18 anni e che avevano iniziato ad assumere Idrossiclorochina sono stati confrontati con gli studi di pazienti che avevano iniziato ad assumere Sulfasalazina, seguiti per 30 giorni, con 16 eventi avversi gravi studiati.

Sono state eseguite serie di casi autocontrollate per stabilire ulteriormente la sicurezza in popolazioni più ampie che hanno incluso tutti gli utilizzatori di Idrossiclorochina indipendentemente dallo stato o dall'indicazione dell'artrite reumatoide.
Separatamente, sono stati studiati eventi avversi gravi associati a Idrossiclorochina più Azitromicina ( rispetto a Idrossiclorochina più Amoxicillina ).

Sono state comprese 14 fonti di dati da Germania, Giappone, Paesi Bassi, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti.
I modelli di Cox sono stati adattati per stimare gli hazard ratio ( HR ) calibrati in base all'uso del farmaco.
Le stime sono state raggruppate dove il valore I2 era inferiore a 0.4.

Lo studio ha incluso 956.374 utilizzatori di Idrossiclorochina, 310.350 utilizzatori di Sulfasalazina, 323.122 utilizzatori di Idrossiclorochina più Azitromicina e 351.956 utilizzatori di Idrossiclorochina più Amoxicillina.

Non è stato identificato alcun rischio in eccesso di eventi avversi gravi quando sono stati confrontati l'uso per 30 giorni di Idrossiclorochina e Sulfasalazina.
Serie di casi autocontrollati hanno confermato questi risultati.
Tuttavia, l'uso a lungo termine dell'Idrossiclorochina è sembrato associato a un aumento della mortalità cardiovascolare ( HR calibrato 1.65 ).

L'aggiunta di Azitromicina è sembrata associata a un aumentato rischio di mortalità cardiovascolare a 30 giorni ( HR calibrato 2.19 ), dolore toracico o angina ( 1.15 ) e insufficienza cardiaca ( 1.22 ).

Il trattamento con Idrossiclorochina non sembra apportare un rischio aumentato a breve termine tra i pazienti con artrite reumatoide, ma a lungo termine sembra essere associato a un eccesso di mortalità cardiovascolare.
L'aggiunta di Azitromicina aumenta il rischio di insufficienza cardiaca e mortalità cardiovascolare anche a breve termine.
È necessaria un'attenta considerazione del rapporto rischio-beneficio nei pazienti in trattamento con Idrossiclorochina. ( Xagena2020 )

Lane JCE et al, Lancet Rheumatology 2020; 2: 698-711

Cardio2020 Reuma2020 Farma2020

Altri articoli