Azimilide: riduzione di alcuni sintomi durante le recidive di fibrillazione atriale / flutter atriale


I Ricercatori dell’Azimilide Superventricular Arrhythmia Program Investigators hanno analizzato 4 studi clinici che hanno valutato l’effetto dell’Azimilide nel trattamento della fibrillazione e del flutter atriale.

In due studi l’Azimilide alla dose di 125 mg/die ha ridotto il modo significativo il numero dei sintomi al momento della recidiva aritmica, mentre al dosaggio di 100 mg/die non è stata osservata significatività statistica.

I sintomi ridotti dall’Azimilide 125 mg/die sono stati: senso di affaticamento, brevità del respiro, dolore toracico e capogiri. Le palpitazioni e la sudorazione non si sono invece ridotte in modo sensibile. ( Xagena2003 )

Connolly SJ et al, Am Heart J 2003; 146:489-493


Cardio2003 Farma2003

Altri articoli