Axitinib per pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico dopo il trattamento con inibitori del checkpoint


La terapia con inibitori del checkpoint è uno standard di cura per i pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico.
Le opzioni terapeutiche dopo la terapia con inibitori del checkpoint includono inibitori della tirosin-chinasi del recettore del fattore di crescita dell'endotelio vascolare ( VEGF-R ), sebbene non esistano dati prospettici sul loro uso in questo contesto.

Axitinib ( Inlyta ) è un inibitore VEGF-R con dati clinici a supporto di una maggiore attività con la titolazione della dose.
È stata studiata l'attività di Axitinib titolato in pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico che erano stati precedentemente trattati con inibitore del checkpoint.

È stata effettuata una sperimentazione multicentrica di fase 2 di Axitinib con dosaggio individualizzato in pazienti di almeno 18 anni con carcinoma a cellule renali localmente ricorrente o metastatico confermato istologicamente o citologicamente con istologia a cellule chiare, stato di prestazione di Karnofsky del 70% o più e malattia misurabile che hanno ricevuto la terapia con inibitori del checkpoint come trattamento più recente.

Non c'era limite al numero di precedenti terapie ricevute. I pazienti hanno ricevuto Axitinib orale a una dose iniziale di 5 mg due volte al giorno con una titolazione della dose ogni 14 giorni con incrementi di 1 mg ( cioè da 5 mg due volte al giorno a 6 mg due volte al giorno, fino a una dose massima di 10 mg due volte al giorno ) se non era presente mucosite di grado 2 o superiore, diarrea, sindrome mano-piede o stanchezza correlate ad Axitinib.

Se si verificava uno o più di questi eventi avversi di grado 2, Axitinib veniva sospeso per 3 giorni prima di riprendere la stessa dose.
Sono state effettuate riduzioni della dose in caso di eventi avversi ricorrenti di grado 2 nonostante le interruzioni del trattamento o in caso di eventi avversi di grado 3-4.

L'esito primario era la sopravvivenza libera da progressione.

Tra il 2016 e il 2018, sono stati arruolati 40 pazienti e hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio. Con un follow-up mediano di 8.7 mesi, la sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 8.8 mesi. La fatica (83%) e l'ipertensione (75%) sono stati gli eventi avversi più comuni di tutti i gradi.

L'evento avverso di grado 3 più comune è stata l'ipertensione ( 24 pazienti, 60% ). Si è verificato un evento avverso di grado 4 ( 3% ) ( lipasi elevata ) e non si sono verificati decessi correlati al trattamento.
In 8 pazienti ( 20% ) si sono verificati eventi avversi gravi probabilmente correlati alla terapia; i più comuni erano disidratazione ( n=4 ) e diarrea ( n=2 ).

Il dosaggio individualizzato di Axitinib in pazienti con carcinoma metastatico a cellule renali precedentemente trattato con inibitori del checkpoint non ha soddisfatto la soglia prespecificata per la sopravvivenza libera da progressione, ma questi dati hanno mostrato che questo schema di titolazione individualizzato è fattibile e ha una solida attività clinica.
Questi risultati potenziali giustificano la considerazione di Axitinib in questo contesto. ( Xagena2019 )

Ornstein MC et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1386-1394

Onco2019 Nefro2019 Uro2019 Farma2019

Altri articoli