Terapia con Atorvastatina: riduzione degli eventi cardiovascolari e insorgenza di diabete


Uno studio ha confrontato l’incidenza di diabete mellito di nuova insorgenza con la riduzione di eventi cardiovascolari.
Le statine riducono il numero di eventi cardiovascolari ma sembrano aumentare il rischio di diabete mellito di nuova insorgenza. I fattori indipendenti in grado di predire il diabete di nuova insorgenza sono: glicemia a digiuno maggiore di 100 mg/dl, trigliceridi a digiuno maggiori di 150 mg/dl, indice di massa corporea maggiore di 30 kg/m2, e storia di ipertensione.

Ricercatori hanno messo a confronto l’incidenza di diabete di nuova insorgenza con la riduzione di eventi cardiovascolari tra 15.056 pazienti con patologia coronarica ma senza diabete al basale negli studi TNT ( Treating to New Targets ) ( n = 7.595 ) e IDEAL ( Incremental Decrease in Endpoints Through Aggressive Lipid Lowering ) ( n=7.461 ).

Gli eventi cardiovascoalri includevano morte per patologia coronarica, infarto miocardico, ictus, e arresto cardiaco resuscitato.

Tra gli 8.825 pazienti con 0-1 fattore di rischio per diabete di nuova insorgenza al basale, si è sviluppato diabete mellito in 142 dei 4.407 pazienti nel gruppo trattato con Atorvastatina ( Lipitor, Torvast ) 80 mg e in 148 dei 4.418 soggetti trattati con Atorvastatina 10 mg e Simvastatina ( Sinvacor, Zocor ) da 20 a 40 mg ( 3.22% vs 3.35%; hazard ratio, HR=0.97 ).

Tra i rimanenti 6.231 pazienti con 2-4 fattori di rischio per diabete di nuova insorgenza, il diabete mellito si è sviluppato in 448 dei 3.128 soggetti trattati con Atorvastatina 80 mg e in 368 dei 3.103 soggetti trattati con bassi dosaggi di statine ( 14.3% vs 11.9%; HR=1.24; p=0.0027 ).

Il numero di eventi cardiovascolari è risultato significativamente ridotto con Atorvastatina 80 mg in entrambi i gruppi a rischio per diabete.

In conclusione, rispetto alle statine a basso dosaggio, l’Atorvastatina 80 mg al giorno non ha aumentato l’incidenza di diabete nei pazienti con 0-1 fattore di rischio, ma lo ha aumentato del 24% nei pazienti con 2-4 fattori di rischio, anche se il numero di eventi cardiovascolari è risultato significativamente ridotto da Atorvastatina 80 mg in entrambi i gruppi. ( Xagena2013 )

Waters DD et al, J Am Coll Cardiol 2013; 61:148-152

Cardio2013 Endo2013 Farma2013

Altri articoli