Riduzione degli eventi cardiovascolari versus diabete mellito di nuova insorgenza durante terapia con Atorvastatina, un farmaco ipocolesterolemizzante


Le statine riducono il numero di eventi cardiovascolari, ma aumentano l'incidenza di diabete mellito di nuova insorgenza.
In precedenza, è stato riportato che 4 fattori indipendenti predicono il diabete mellito di nuova insorgenza: glicemia a digiuno superiore a 100 mg/dl ( 5.55 mmol/L ), trigliceridi a digiuno superiori a 150 mg/dl ( 1.7mmol/L ), indice di massa corporea ( BMI ) maggiore di 30 kg/m2, e storia di ipertensione.

Uno studio ha confrontato l'incidenza di diabete mellito di nuova insorgenza con la riduzione degli eventi cardiovascolari a diversi livelli di rischio per il diabete.

Lo studio ha riguardato 15.056 pazienti con malattia coronarica, ma senza diabete mellito al basale negli studi TNT ( Treating to New Targets ) ( n= 7.595 ) e IDEAL ( Incremental Decrease in Endpoints Through Aggressive Lipid Lowering ) ( n=7.461 ).

Gli eventi cardiovascolari comprendevano: mortalità per malattia coronarica, infarto miocardico, ictus e arresto cardiaco resuscitato.

I risultati sono stati i seguenti:

• tra gli 8.825 pazienti con 0-1 fattori di rischio al basale, il diabete mellito di nuova insorgenza si è sviluppato in 142 su 4.407 pazienti nel gruppo Atorvastatina ( Torvast ) 80 mg e in 148 su 4.418 nei gruppi Atorvastatina 10 mg e Simvastatina ( Zocor ) 20 e 40 mg ( 3.22% vs 3.35 %, hazard ratio, HR=0.97 );

• tra i rimanenti 6.231 pazienti con 2-4 fattori di rischio, il diabete mellito di nuova insorgenza si è sviluppato in 448 di 3.128 pazienti nel gruppo Atorvastatina 80 mg e in 368 di 3.103 nei gruppi a più basso dosaggio ( 14.3% vs 11.9%; p=0.0027 );

• il numero di eventi cardiovascolari è risultato ridotto con Atorvastatina 80 mg in entrambi i gruppi a rischio di diabete mellito di nuova insorgenza.

I ricercatori hanno concluso che il rischio di diabete mellito di nuova insorgenza non appare essere aumentato con Atorvastatina 80 mg rispetto a dosaggi moderati di statine durante i 5 anni di follow-up degli studi TNT e IDEAL tra i pazienti con 0 a 1 di 4 fattori di rischio per il diabete mellito di nuova insorgenza.
Tuttavia, tra i pazienti con 2-4 fattori di rischio, l’Atorvastatina 80 mg ha aumentato il rischio di diabete di nuova insorgenza del 24%, rispetto alla terapia standard.
In entrambi i gruppi, la terapia ad alto dosaggio ha ridotto il numero di eventi cardiovascolari maggiori.

Lo studio presenta alcune limitazioni, tra queste il disegno dello studio: il diabete mellito non era un endpoint predefinito sia nello studio TNT sia in quello IDEAL.
Inoltre, la definizione adottata di diabete mellito di nuova insorgenza potrebbe aver sottostimato l'incidenza di questo evento.
Il criterio per la definizione di diabete mellito di nuova insorgenza era rappresentato da due elevate misurazioni di glicemia a digiuno post-basale. Inoltre l’emoglobina glicosilata ( HbA1C ) non è stata misurata di routine. ( Xagena2012 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2012

Cardio2012 Endo2012 Farma2012

Altri articoli