Atorvastatina come trattamento stabile per le bronchiectasie


Le bronchiectasie sono caratterizzate da tosse cronica, espettorazione e infezioni polmonari ricorrenti.
La patogenesi è poco conosciuta, ma viene osservato un eccesso di infiammazione neutrofila delle vie aeree.
Numerose evidenze suggeriscono che le statine abbiano effetti pleiotropici; pertanto, questi farmaci potrebbero essere un potenziale trattamento antinfiammatorio per i pazienti con bronchiectasie.
Uno studio, controllato e randomizzato, ha stabilito se l’Atorvastatina ( Lipitor, Torvast ) possa ridurre la tosse nei pazienti con bronchiectasie.

I pazienti di età compresa tra 18 e 79 anni sono stati reclutati da un Centro di cura a Edimburgo, Regno Unito.

I partecipanti avevano avuto bronchiectasie clinicamente significative ( tosse ed espettorazione quando clinicamente stabili ) confermate da tomografia computerizzata ( TC ) del torace e due o più infezioni polmonari nel corso dell'anno precedente.

Gli individui sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Atorvastatina ad alte dosi ( 80 mg ) oppure placebo, somministrati per via orale una volta al giorno per 6 mesi.

L'endpoint primario era la riduzione della tosse dal basale a 6 mesi, misurata con il punteggio al questionario Leicester Cough ( LCQ ), con un punteggio più basso indicativo di una tosse più grave ( minima differenza clinicamente importante, 1.3 unità ).

Nel 2011, 82 pazienti sono stati sottoposti a screening per l'inclusione nello studio e 22 sono stati esclusi prima della randomizzazione.
30 individui sono stati assegnati ad Atorvastatina e 30 al placebo.

Il cambiamento dal basale a 6 mesi nel punteggio LCQ è risultato differente tra i due gruppi, con una variazione media di 1.5 unità nei pazienti assegnati ad Atorvastatina versus -0.7 unità per quelli assegnati al placebo ( differenza media 2.2; P=0.01 ).

Un totale di 12 pazienti su 30 nel gruppo Atorvastatina ( 40% ) sono migliorati di 1.3 o più unità al questionario LCQ rispetto a 5 pazienti su 30 nel gruppo placebo ( 17%; differenza 23%; P=0.04 ).

10 pazienti assegnati ad Atorvastatina ( 33% ) sono andati incontro a un evento avverso rispetto a 3 assegnati a placebo ( 10%; differenza 23%; P=0.02 ).
Non sono stati registrati eventi avversi gravi.

6 mesi di Atorvastatina hanno migliorato la tosse su una scala di qualità di vita nei pazienti con bronchiectasie.
Sono ora necessari studi multicentrici per valutare se il trattamento con statine a lungo termine sia in grado di ridurre le riacutizzazioni. ( Xagena2014 )

Mandal P et al, Lancet 2014;2:455-463

Pneumo2014 Farma2014

Altri articoli