Apixaban o antagonisti della vitamina K e Aspirina o placebo in base alla funzione renale in pazienti con fibrillazione atriale dopo sindrome coronarica acuta o intervento coronarico percutaneo: studio AUGUSTUS


Nello studio AUGUSTUS ( An Open-Label, 2x2 Factorial, Randomized Controlled, Clinical Trial to Evaluate the Safety of Apixaban Versus Vitamin K Antagonist and Aspirin Versus Aspirin Placebo in Patients With Atrial Fibrillation and Acute Coronary Syndrome or Percutaneous Coronary Intervention ), Apixaban ( Eliquis ) ha provocato meno sanguinamenti e meno ricoveri rispetto agli antagonisti della vitamina K, e l'Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] ha causato più sanguinamenti rispetto al placebo nei pazienti con fibrillazione atriale e sindrome coronarica acuta o intervento coronarico percutaneo trattati con un inibitore P2Y12.

È stato valutato il rapporto rischio-beneficio della terapia antitrombotica in base alla funzione renale.
Su 4.456 pazienti, è stata utilizzata la formula CKD-EPI ( Chronic Kidney Disease Epidemiology Collaboration ) per calcolare la velocità di filtrazione glomerulare stimata al basale ( eGFR ).
L'effetto di Apixaban rispetto agli antagonisti della vitamina K e dell'Aspirina rispetto al placebo è stato valutato attraverso le categorie di funzionalità renale utilizzando modelli di Cox.

L'esito primario era il sanguinamento maggiore o non-maggiore clinicamente rilevante secondo ISTH ( International Society on Thrombosis and Haemostasis ).
Gli esiti secondari includevano morte o ospedalizzazione ed eventi ischemici ( morte, ictus, infarto miocardico, trombosi dello stent accertata o probabile o rivascolarizzazione urgente ).

La clearance della creatinina inferiore a 30 ml/min era un criterio di esclusione nello studio AUGUSTUS.

Complessivamente, il 30%, il 52% e il 19% avevano un valore di eGFR superiore a 80, da superiore a 50 a 80 e da 30 a 50 ml x min-1 x 1.73 m-2, rispettivamente.

Al follow-up a 6 mesi, si erano verificati in totale 543 esiti primari di sanguinamento, 1.125 decessi o ricoveri e 282 eventi ischemici.

Rispetto agli antagonisti della vitamina K, i pazienti assegnati ad Apixaban hanno presentato tassi inferiori per tutti e tre gli esiti nella maggior parte delle categorie di eGFR senza interazioni significative.

La riduzione del rischio assoluto con Apixaban è stata più pronunciata nei pazienti con eGFR da 30 a 50 ml x min-1 x 1.73 m-2 per eventi di sanguinamento con tassi del 13.1% versus 21.3% ( hazard ratio, HR=0.59 ).

I pazienti a cui è stata assegnata l'Aspirina hanno avuto un rischio più elevato di sanguinamento in tutte le categorie di eGFR con un aumento ancora maggiore tra quelli con eGFR superiore a 80 ml x min-1 x 1.73 m-2: 16.6% rispetto a 5.6% ( HR=3.22; P per interazione=0.007 ).

Il rischio di morte o ospedalizzazione e gli eventi ischemici sono stati paragonabili tra Aspirina e al placebo nelle categorie di eGFR con hazard ratio compresi tra 0.97 e 1.28 e da 0.75 a 1.34, rispettivamente.

La sicurezza e l'efficacia di Apixaban non erano correlate alla funzione renale, rispetto al Warfarin, e in accordo con i risultati complessivi dello studio.
Il rischio di sanguinamento con l'Aspirina è stato costantemente più alto in tutte le categorie di funzionalità renale. ( Xagena2021 )

Hijazi Z et al, Circulation 2021; 143: 1215-1223

Cardio2021 Nefro2021 Farma2021

Altri articoli