L’Arginina riduce il ritardo nel processo di cicatrizzazione indotto dall’Ibuprofene


Uno studio compiuto presso l’Università di Siviglia in Spagna ha valutato il ruolo dell’aminoacido L-Arginina ( L-Arg ) nell’evoluzione dell’ulcera gastrica, forma cronica.

E’ stato osservato l’effetto dell’Arginina, da sola o associata all’antinfiammatorio Ibuprofene, nell’ ulcera cronica sperimentale.

L’Arginina ha presentato un favorevole effetto sul processo di cicatrizzazione.

L’Ibuprofene ha causato un ritardo nella guarigione dell’ulcera; ha aumentato l’espressione della cicloossigenasi 2 ( COX-2 ), ed ha inibito la produzione di PGE2 ( prostaglandina E2 ).

L’Arginina ha invece ridotto il ritardo nella guarigione delle lesioni, ha diminuito l’aumentata espressione di COX-2 da parte dell’Ibuprofene, ed ha mantenuto i normali livelli di PGE2.

L’esame istologico ha mostrato che gli effetti di cicatrizzazione dell’Arginina potrebbero essere associati ad un aumento dell’angiogenesi e dell’espressione di FGF-2, il fattore di crescita fibroblastico.

Secondo gli Autori la combinazione Ibuprofene ed Arginina ( IBA ) rappresenta un’interessante alternativa al solo Ibuprofene, perché migliora l’evoluzione delle lesioni ulcerative croniche. ( Xagena2005 )

Sanchez-Fidalgo S et al, Histol Histopathol 2005; 20: 437-447

Gastro2005 Farma2005

Altri articoli