Efficacia e sicurezza di Fosaprepitant per la prevenzione di nausea e vomito durante le 5 settimane di chemioradioterapia per il tumore del collo dell'utero


Non è stato stabilito il ruolo degli antagonisti del recettore della neurochinina-1 ( NK-1 ) nella prevenzione di nausea e vomito indotti da radiazioni.
Lo scopo dello studio GAND-emesis è stato quello di valutare l'efficacia e la sicurezza di Fosaprepitant ( Ivemend ) in combinazione con Palonosetron ( Aloxi ) e Desametasone nella prevenzione di nausea e vomito durante 5 settimane di radioterapia frazionata e Cisplatino settimanale concomitante in pazienti con tumore della cervice uterina.

Lo studio multinazionale, randomizzato, in doppio cieco, di fase 3, controllato con placebo, ha incluso donne con cancro della cervice destinata a ricevere la radioterapia frazionata e Cisplatino settimanale 40 mg/m2 per 5 settimane.
I pazienti dovevano essere naive alla chemioterapia e alla radioterapia.

Le pazienti sono state assegnate in modo casuale a ricevere dosi singole di Fosaprepitant 150 mg per via endovenosa o placebo ( soluzione fisiologica ) in combinazione con Palonosetron 0.25 mg per via endovenosa e Desametasone 16 mg per via orale prima della somministrazione del Cisplatino.

Tutte le pazienti hanno ricevuto per via orale Desametasone 8 mg due volte al giorno nel giorno 2, 4 mg due volte al giorno nel giorno 3, e 4 mg una volta al giorno nel giorno 4.
Il trattamento è stato ripetuto per 5 settimane.

L'endpoint primario era rappresentato dalla percentuale di pazienti con sostenuta assenza di emesi dopo 5 settimane di trattamento.

Le analisi statistiche sono state effettuate sulla popolazione intention-to-treat ( tutte le pazienti che hanno ricevuto il farmaco in studio ) modificata.

Tra il 2010 e il 2015, 246 pazienti provenienti da quattro Paesi hanno acconsentito allo studio e sono state assegnate in modo casuale.
Di queste, 234 pazienti sono state ammesse, avendo ricevuto il farmaco in studio ( 118 Fosaprepitant, 116 placebo ).

La percentuale di pazienti con sostenuta assenza di emesi a 5 settimane ( analisi dei rischi in competizione ) è stata del 48.7% per il gruppo placebo rispetto al 65.7% delle pazienti nel gruppo Fosaprepitant.

C'è stato un rischio significativamente più basso cumulativo di emesi nel gruppo Fosaprepitant rispetto al gruppo placebo ( sub-hazard ratio, SHR=0.58, P=0.008 ).

I trattamenti sono stati generalmente ben tollerati con pochi eventi avversi di grado 3 nessuno dei quali legato al trattamento in studio; i più comuni eventi avversi di grado 3 durante le 5 settimane di trattamento sono stati diarrea ( 11 [ 9% ] su 118 pazienti nel gruppo Fosaprepitant vs 6 [ 5% ] su 116 pazienti nel gruppo placebo ).
C'è stato solo un evento avverso di grado 4 ( neutropenia ) nel gruppo Fosaprepitant.
Non sono stati registrati decessi in entrambi i gruppi.

A nostra conoscenza, questo è il primo studio per analizzare la sicurezza e l'efficacia di un antagonista del recettore NK-1 durante 5 settimane di radioterapia e concomitante Cisplatino settimanale.
Le pazienti trattate con Fosaprepitant in aggiunta a Palonosetron e Desametasone hanno avuto meno probabilità di avere vomito e nausea rispetto a quelle trattate con Palonosetron e Desametasone da soli.
Entrambi i trattamenti erano sicuri e ben tollerati.
Sono necessarie ulteriori valutazioni in altri setting radioterapici. ( Xagena2016 )

Ruhlmann CH et al, Lancet 2016; 17: 509-518

Onco2016 Gastro2016 Gyne2016 Farma2016

Altri articoli