Andexanet alfa per sanguinamento maggiore acuto associato agli inibitori del fattore Xa, Apixaban e Rivaroxaban


Andexanet alfa ( AndexaXa ) è una proteina esca del fattore Xa ricombinante modificato umano che ha dimostrato di invertire l'inibizione del fattore Xa in volontari sani.

In uno studio multicentrico, prospettico, in aperto, a singolo gruppo, sono stati valutati 67 pazienti che avevano sanguinamento maggiore acuto entro 18 ore dopo la somministrazione di un inibitore del fattore Xa.
I pazienti hanno ricevuto tutti un bolo di Andexanet seguito da un'infusione di 2 ore del farmaco.

I pazienti sono stati valutati per i cambiamenti nelle misure di attività anti-fattore Xa e sono stati valutati per l'efficacia clinica emostatica nel corso di un periodo di 12 ore.
Tutti i pazienti sono stati successivamente seguiti per 30 giorni.

La popolazione di efficacia di 47 pazienti aveva un valore di base per l'attività anti-fattore Xa di almeno 75 ng per millilitro ( o uguale o superiore a 0.5 UI per millilitro per coloro che ricevevano Enoxaparina ) e avevano confermata gravità del sanguinamento.

L'età media dei pazienti era di 77 anni; la maggior parte dei pazienti aveva una malattia cardiovascolare sostanziale.
Il sanguinamento era prevalentemente gastrointestinale o intracranico.

Il tempo medio dalla presentazione al Pronto soccorso alla somministrazione del bolo di Andexanet è stato di 4.8 ore.

Dopo la somministrazione del bolo, l'attività anti-fattore Xa mediana è diminuita dell’89% rispetto al basale tra i pazienti trattati con Rivaroxaban ( Xarelto ) e del 93% tra i pazienti trattati con Apixaban ( Eliquis ).
Questi livelli sono rimasti simili durante l'infusione di 2 ore.

In seguito, 4 ore dopo la fine dell'infusione, c'è stata una diminuzione relativa rispetto al basale del 39% nella misura della attività di anti-fattore Xa tra i pazienti trattati con Rivaroxaban e del 30% tra quelli trattati con Apixaban.

12 ore dopo l'infusione di Andexanet, l’emostasi clinica è stata giudicata eccellente o buona in 37 su 47 pazienti nell'analisi di efficacia ( 79% ).

Eventi trombotici si sono verificati in 12 dei 67 pazienti ( 18% ) durante i 30 giorni di follow-up.

In conclusione, sulla base di una analisi preliminare descrittiva, un bolo iniziale e una successiva infusione di 2 ore di Andexanet hanno sostanzialmente ridotto l’attività anti-fattore Xa in pazienti con sanguinamento maggiore acuto associato a inibitori del fattore Xa, con emostasi efficace nel 79% dei casi. ( Xagena2016 )

Connolly SJ et al, N Engl J Med 2016; 375: 1131-1141

Emo2016 Cardio2016 Farma2016

Altri articoli