L’assunzione di Anfetamina o Cocaina riduce la capacità del cervello di modificarsi in base alle esperienze di vita


Una ricerca compiuta su animali ha mostrato che l’esposizione a farmaci stimolanti come l’Anfetamina e la Cocaina può danneggiare la capacità di specifiche cellule cerebrali di modificare la struttura dell’encefalo.

Questa capacità è uno dei principali meccanismi mediante il quale le esperienze del passato possono influenzare il comportamento e la conoscenza.

Ricercatori della University of Lethbridge e dell’ University of Michigan hanno condotto una serie di esperimenti per esaminare come le sostanze d’abuso potessero produrre cambiamenti nella struttura cerebrale.

Hanno somministrato Anfetamina , Cocaina o una soluzione salina per 20 giorni a ratti di laboratorio.
Dopo questa somministrazione gli animali sono stati collocati in un altro ambiente per 3-3,5 mesi.
Il nuovo ambiente conteneva diversi stimoli ( rampe, ponti, tunnel etc) e veniva modificato una volta a settimana per mantenere vivo il senso di esplorazione dell’ambiente.

Al termine dei 3-3,5 mesi il cervello dei ratti è stato sottoposto ad analisi.

I Ricercatori hanno constatato che l’Amfetamina ha aumentato la ramificazione dendritica e la densità d’innervazione nel nucleus accumbens ed ha ridotto la densità di innervazione nella corteccia parietale.

L’esposizione al nuovo ambiente ha comportato un aumento della ramificazione dendritica e della densità di innervazione non solo nel nucleus accumbens ma anche nella corteccia parietale.

Gli animali trattati con Anfetamina hanno presentato modificazioni strutturali nel nucleus accumbens e nella corteccia parietale diverse rispetto agli animali trattati con soluzione salina.

Gli animali trattati con Cocaina hanno fornito risultati simili.

Questo studio dimostra che alcuni dei vantaggi cognitivi e comportamentali che si possono ottenere con l’esperienza vengono ridotti dall’esposizione a farmaci psicostimolanti.
L’incapacità di alcuni circuiti cerebrali di modific arli in risposta alle esperienze può pertanto spiegare i deficit cognitivi e comportamentali delle persone che fanno uso di sostanze stupefacenti.
Lo studio è stato pubblicato su The Proceedings of the National Academy of Sciences. ( Xagena2003 )

Fonte: NIH/NIDA ( National Institute on Drug Abuse )


Psyche2003

Altri articoli