Valutazione del rischio cardiovascolare nei pazienti anziani con gotta che iniziano ad assumere Febuxostat versus Allopurinolo


L’iperuricemia e la gotta sono associate a un aumentato rischio di malattie cardiovascolari. Gli inibitori della xantina ossidasi, Allopurinolo ( Zyloric ) e Febuxostat ( Adenuric ), sono il cardine del trattamento di riduzione degli urati per la gotta e possono avere effetti diversi sul rischio cardiovascolare nei pazienti con gotta.

Utilizzando i dati sulle richieste di risarcimento da parte di Medicare negli Stati Uniti ( 2008-2013 ), è stato condotto uno studio di coorte sulla sicurezza cardiovascolare comparativa tra Febuxostat e Allopurinolo nei pazienti con gotta a partire da 65 anni di età.

L'esito primario era un endpoint composito di ospedalizzazione per infarto miocardico o ictus. Gli esiti secondari erano endpoint individuali di ospedalizzazione per infarto miocardico, ictus, rivascolarizzazione coronarica, insufficienza cardiaca nuova e ricorrente e mortalità per tutte le cause.

Sono stati inclusi 24.936 pazienti che hanno iniziato ad assumere Febuxostat abbinati per propensione a 74.808 pazienti che hanno iniziato ad assumere Allopurinolo.
L'età media era di 76 anni, il 52% era di sesso maschile e il 12% aveva una malattia cardiovascolare al basale.

Il tasso di incidenza per 100 anni-persona per l'esito primario era di 3.43 con Febuxostat e 3.36 con Allopurinolo.
L'hazard ratio per l'esito primario era di 1.01 nel gruppo Febuxostat rispetto al gruppo Allopurinolo.

Il rischio di esiti secondari inclusa la mortalità per tutte le cause è stato simile in entrambi i gruppi, ad eccezione di un rischio moderatamente ridotto di esacerbazione dell'insufficienza cardiaca ( hazard ratio, HR=0.94 ) nei pazienti che hanno iniziato ad assumere Febuxostat.
L'hazard ratio per la mortalità per tutte le cause associata all'uso a lungo termine di Febuxostat superiore a 3 anni è stato pari a 1.25 rispetto all’Allopurinolo.
Le analisi di sottogruppo e sensibilità hanno mostrato costantemente un rischio cardiovascolare simile in entrambi i gruppi.

In conclusione, in una coorte di 99.744 pazienti anziani Medicare con gotta, nel complesso non vi è stata differenza nel rischio di infarto miocardico, ictus, insufficienza cardiaca di nuova insorgenza, rivascolarizzazione coronarica o mortalità per tutte le cause tra i pazienti che hanno iniziato ad assumere Febuxostat rispetto ad Allopurinolo.
Tuttavia, è sembrata esserci una tendenza verso un aumento, sebbene non statisticamente significativo, del rischio di mortalità per tutte le cause nei pazienti che hanno usato Febuxostat per più di 3 anni rispetto ad Allopurinolo per più di 3 anni.
Il rischio di esacerbazione dell'insufficienza cardiaca è stato leggermente inferiore nei pazienti che hanno iniziato ad assumere Febuxostat. ( Xagena2018 )

Zhang MA et al, Circulation 2018; 138: 1116-1126

Cardio2018 Reuma2018 Farma2018

Altri articoli