Effetto di Aliskiren sugli esiti dopo la dimissione nei pazienti con e senza diabete ricoverati per insufficienza cardiaca


Lo studio ASTRONAUT ( Aliskiren Trial on Acute Heart Failure Outcomes ) ha valutato se Aliskiren ( Rasilez, Tekturna ), un inibitore diretto della renina, fosse in grado di migliorare gli esiti post-dimissione nei pazienti ricoverati per insufficienza cardiaca e con frazione di eiezione ridotta.
Analisi di sottogruppo hanno suggerito una potenziale eterogeneità negli esiti post-dimissione con Aliskiren nei pazienti con e senza diabete mellito al basale.

Lo studio ASTRONAUT ha incluso 953 pazienti senza diabete mellito ( Aliskiren n=489, placebo n=464 ) e 662 pazienti con diabete mellito ( Aliskiren n=319, placebo n=343 ).

Gli endpoint dello studio comprendevano il primo episodio di morte cardiovascolare o di insufficienza cardiaca entro 6 e 12 mesi, la mortalità per tutte le cause entro 6 e 12 mesi e la variazione rispetto al basale di NT-proBNP ( frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B ) a 1, 6 e 12 mesi.

L'effetto di Aliskiren sulla morte cardiovascolare o sul ricovero per insufficienza cardiaca entro 6 mesi ( endpoint primario ) non è risultato significativamente differente dallo stato basale di diabete mellito ( P=0.08 per interazione ), ma ha raggiunto la significatività statistica a 12 mesi ( non-diabete mellito: HR=0.80; diabete mellito: HR=1.16; P per interazione=0.03 ).

Il rischio di morte per tutte le cause a 12 mesi con Aliskiren è risultato differire in modo significativo dalla presenza di diabete mellito al basale ( non-diabete mellito: HR=0.69; diabete mellito: HR=1.64; P per interazione minore di 0.01 ).

Tra i pazienti senza diabete, Aliskiren ha ridotto significativamente NT-proBNP a 6 mesi e la troponina I e l’aldosterone, plasmatici, a 12 mesi, rispetto al placebo.

Tra i pazienti diabetici, Aliskiren ha ridotto la troponina I e l’aldosterone, plasmatici, rispetto al placebo a 1 mese.

C'è stata una tendenza verso un diverso rischio di avere potassio post-basale maggiore o uguale a 6 mmol/l con Aliskiren in base allo status di diabete mellito sottostante ( non-diabete: HR=1.17; diabete: HR=2.39; P per interazione=0.07 ).

In conclusione, questa analisi di sottogruppo dello studio ASTRONAUT genera l'ipotesi che l'aggiunta di Aliskiren alla terapia standard durante il ricovero per insufficienza cardiaca nei pazienti senza diabete è generalmente ben tollerata e migliora gli esiti post-dimissione e i profili dei biomarcatori.
Al contrario, i pazienti diabetici trattati con Aliskiren sembrano avere peggiori esiti post-dimissione.
Sono necessari futuri studi prospettici per confermare i benefici potenziali della inibizione della renina in un'ampia coorte di pazienti ricoverati per insufficienza cardiaca senza diabete. ( Xagena2013 )

Maggioni AP et al, Eur Heart J 2013; 34: 40: 3117-3127

Cardio2013 Endo2013 Farma2013

Altri articoli