Aliskiren non-utile nella insufficienza cardiaca in caso di deterioramento renale


Uno studio di piccole dimensioni ha mostrato che la funzione renale può peggiorare quando Aliskiren ( Rasilez ; negli USA: Tekturna ) è somministrato in aggiunta alla terapia standard con Ace inibitori o bloccanti del recettore della angiotensina ( anche noti come sartani ) nei pazienti con scompenso cardiaco e insufficienza renale.
Lo studio è stato interrotto prematuramente.

Dopo 26 settimane, l'aggiunta di Aliskiren non è riuscita a migliorare il flusso sanguigno renale ( endpoint primario ), e ha prodotto una significativa riduzione sia per la velocità di filtrazione glomerulare ( P=0.008 ) sia per la frazione di filtrazione ( P=0.003 ).

Non ci sono state differenze significative tra i gruppi di trattamento e di controllo negli eventi avversi, ma i pazienti trattati con Aliskiren tendevano ad avere più ipotensione e peggioramento della funzione renale.

Si consiglia cautela nell'interpretazione dei risultati relativi alla velocità di filtrazione glomerulare perché gli studi precedenti con gli Ace inibitori hanno dimostrato che un calo iniziale del GFR può impedire ulteriori riduzioni in tempi successivi.

Lo studio ARIANA-CHF-RD ha un potere statistico insufficiente per valutare in modo definitivo gli effetti di Aliskiren nei pazienti con insufficienza cardiaca e renale.

L’obiettivo dello studio è stato quello di valutare se l'inibizione supplementare della renina con Aliskiren potesse migliorare il flusso sanguigno renale nei pazienti con scompenso cardicao cronico, frazione di eiezione ventricolare sinistra ridotta e disfunzione renale che stavano già assumendo Ace inibitori o sartani.

Sono stati arruolati pazienti con classe funzionale NYHA II-IV, frazione di eiezione ventricolare sinistra del 45% o inferiore, e velocità di filtrazione glomerulare stimata di 30-75 mL/min/1.73 m2.
Tutti i pazienti dovevano presentare scompenso cardiaco stabile sotto trattamento farmacologico standard per almeno 1 mese prima dell’arruolamento.

Era stato programmato di randomizzare 67 pazienti ad Aliskiren 300 mg al giorno e 33 a placebo per 26 settimane in aggiunta a un Ace-inibitore o a un antagonista del recettore della angiotensina.

Lo studio è stato interrotto dopo l'arruolamento di soli 27 pazienti nel gruppo Aliskiren e 14 nel gruppo placebo, a causa dell’arresto dello studio ALTITUDE, in cui erano emersi un maggior numero di effetti avversi e nessun effetto benefico con Aliskiren nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e insufficienza renale.

Il Data Safety Monitoring Board dello studio ARIANA-CHF-RD non ha evidenziato alcun evento avverso; ha raccomandato l'arresto nell’arruolamento di nuovi pazienti, l'interruzione del trattamento nei pazienti diabetici, e di continuare lo studio con i restanti pazienti.

Tra i pazienti che hanno continuato lo studio, l'età media era di circa 70 anni ; la maggior parte era di sesso maschile, e nella maggioranza dei casi i pazienti erano in classe NYHA II. La frazione di eiezione ventricolare sinistra media era del 34% al basale. I valori di GFR al basale erano 65 e 56 ml/min, rispettivamente, nei gruppi placebo e Aliskiren. ( Xagena2013 )

Fonte: Heart Failure Congress, 2013

Cardio2013 Nefro2013 Farma2013

Altri articoli